Lunedì, 30 Gennaio 2023

Sale cinematografiche chiuse, i prodotti alimentari invenduti vanno in donazione ai bisognosi

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

La crisi sanitaria continua a mettere in difficoltà il settore dello spettacolo, costretto all’immobilità e a mantenere le proprie sale chiuse. Tuttavia, nonostante questo, alcune sale hanno individuato un’iniziativa solidale di volontariato in grado al contempo di diminuire alcuni danni alle sale stesse.

È il caso delle sale della catena cinematografica The Space Cinema. L’azienda ha infatti deciso di donare le proprie riserve alimentari alla comunità, rivolgendosi ad alcune associazioni ed enti di volontariato, attivi sui diversi territori nazionali, per distribuire tutti i prodotti conservati attualmente nei propri multisala.

Tra i prodotti, chiusi attualmente nei cinema, troviamo tutti quelli destinati alla vendita al pubblico da consumare durante gli spettacoli, a cominciare dai classici pop corn (e quindi le proprie scorte di mais) ma che comprende inoltre snack di vario genere, bevande, dolciumi e tutto ciò che viene utilizzato per gli stessi, quindi olio, sale, zucchero e acqua.

L’iniziativa, tenutasi in concomitanza con le recenti festività natalizie, ha visto il coinvolgimento di numerose associazioni grazie al precedente dialogo scaturito tra le direzioni del territorio con le diverse direzioni locali. Tra gli enti convolti dalle sale concittadine troviamo l’Associazione Banco Alimentare per le sedi di Firenze, Livorno e Terni, la Comunità Sant’Egidio presso Napoli, Livorno, Guidonia Montecelio e Roma, la Città dei Ragazzi sempre presso la Capitale, l’Onlus Oasi Verde Santuario Animale e il Progetto Angelica Amiche per la Vita a Montesilvano (PE), l’Onlus Anteas di Grosseto, Adra Perugia presso Corciano, direttamente le parrocchie di Santa Margherita a Salerno, Santa Maria del Popolo a Surbo (LE) e San Michele Arcangelo a Nola (NA) e ancora a Parma, Cagliari, Genova...

Queste, ritirata la merce donata, si occuperanno di organizzare e distribuire la stessa presso le persone più bisognose di sostentamento all’interno dei comprensori di riferimento.